Il tuo browser non supporta Javascript
Search:

Alluminio e sue caratteristiche

L’alluminio che viene utilizzato per la costruzione dei profili da impiegare nella costruzione di infissi (finestre, balconi e portefinestre), è costituito da leghe metalliche con basse percentuali di rame. Associare l’alluminio ad altri metalli significa migliorarne le caratteristiche, facilitando il processo di finitura e di lavorazione. I metalli solitamente associati all’aluminio sono: silicio, magnesio, zinco o manganese.

I profili in alluminio utilizzati per la costruzione di infissi possono avere diverse colorazioni. Possono presentarsi con il loro colore naturale che scaturisce dal processo di lavorazione (ossidazione anodica), oppure possono essere colorati con processo di elettrocolorazione e verniciati con resine sintetiche speciali.

L’alluminio ha molte proprietà tra cui:

Resistenza (soprattutto agli agenti atmosferici)

Leggerezza

Ottime proprietà meccaniche.

Per queste ragioni i serramenti in alluminio hanno una buona durabilità nel tempo.

In passato l’alluminio era utilizzato soprattutto per la produzione dei cosiddetti doppi infissi, che solitamente venivano installati esternamente. Oggi invece viene utilizzato direttamente per la realizzazione di finestre e portefinestre.

Tuttavia la tecnologia, ha implementato e migliorato la lavorazione di questo materiale per poter soddisfare esigenze legate alla necessità di risparmio energetico. Vediamo insieme come.

 

Alluminio a taglio termico, innovazione tecnologica e risparmio

Una delle esigenze della modernità, legata alla salvaguardia dell’ambiente è quella di ridurre il consumo di energia negli edifici. L’alluminio è un ottimo conduttore di calore e questa particolare caratteristica lo ha reso sempre meno idoneo alla costruzione di infissi, che oggi la legge vuole che siano costruiti in maniera tale da avere bassi valori di trasmittanza.

La trasmittanza misura il potere di dispersione di un materiale e viene misurata attraverso il cosiddetto coefficiente “U”. Quanto più basso è questo valore, tanto più basso sarà il potere di dispersione di calore del materiale in questione.

Per tenere basso il coefficiente “U” che misura i valori di trasmittanza, oggi giorno i profili in alluminio vengono realizzati con il cosiddetto taglio termico. Realizzare un profilo con taglio termico significa inserire all’interno di una delle camere del profilo stesso, un materiale a bassa conducibilità termica. Il sistema più diffuso è quello di iniettare schiuma poliuretanica all’interno del profilato estruso.

I profili degli infissi in alluminio a taglio termico, possono essere realizzati sia a “giunto aperto” che a “giunto chiuso”.

Nel caso degli infissi a “giunto aperto” l’acqua che eventualmente penetra all’interno dell’infisso viene drenata attraverso dei fori di scarico, grazie ad un fenomeno di equilibrio tra pressione esterna e interna al profilato. Per questo motivo questo tipo di giunto viene detto anche “giunto a compensazione di pressione”.